Tag: università

WHISTLEBLOWING. GIAN ANTONIO STELLA: E ALLORA TI CHIEDI, VALE LA PENA DI FARE QUESTE DENUNCE?

WHISTLEBLOWING. GIAN ANTONIO STELLA: E ALLORA TI CHIEDI, VALE LA PENA DI FARE QUESTE DENUNCE?

Andrea Franzoso non è stato il primo, nella storia italiana, a pagar cara la scelta della trasparenza e a sbattere contro i «padreterni», come li chiamava Luigi Einaudi. Il patriota garibaldino Cristiano Lobbia – ricorda Gian Antonio Stella, sul Corriere della sera del 12 ottobre 2017 -che, eletto deputato, denunciò al Parlamento di Firenze, il […]

Continua a leggere »

WHISTLEBLOWING E AGENDA ANTICORRUZIONE. CANTONE: WHISTLEBLOWING, SPERO CHE LA LEGGE POSSA ARRIVARE IN QUESTA LEGISLATURA PURCHÉ SI FACCIA BENE. TRANSPARENCY: IN ITALIA BUONE LEGGI, MA POCO OSSERVATE.

WHISTLEBLOWING E AGENDA ANTICORRUZIONE. CANTONE: WHISTLEBLOWING, SPERO CHE LA LEGGE POSSA ARRIVARE IN QUESTA LEGISLATURA PURCHÉ SI FACCIA BENE. TRANSPARENCY: IN ITALIA BUONE LEGGI, MA POCO OSSERVATE.

  L’apparato normativo è buono, con un punteggio di 62/100, ma l’applicazione delle norme è insufficiente E raggiunge un punteggio di soli 45/100: è quanto rileva il rapporto «Agenda anticorruzione 2017» di Transparency International Italia che analizza in quadro della corruzione nel nostro Paese, leggi e pratiche anticorruzione nel settore pubblico, privato e nella società […]

Continua a leggere »

MERITOCRAZIA E UNIVERSITA’. IL QUIZ SI IMPONE PERCHÉ NESSUNO SI ASSUME LA RESPONSABILITÀ DEGLI ESITI CHE PRODUCE.

MERITOCRAZIA E UNIVERSITA’.  IL QUIZ SI IMPONE PERCHÉ NESSUNO SI ASSUME LA RESPONSABILITÀ DEGLI ESITI CHE PRODUCE.

La risposta a questa serie di domande è molto semplice. È legittimo perché trasforma il giudizio in un verdetto quantitativo. Fissata la soglia numerica, chi non la raggiunge resta fuori. Il quiz si impone – evidenzia Adolfo Scotto di Luzio, su Il Mattino del 24 settembre 2017, alle pagine 1 e 59 – perché nessuno […]

Continua a leggere »

MERITOCRAZIA E UNIVERSITA’. I CONCORSI VENGONO TRASFORMATI IN UNA LOTTERIA E ALLORA PERCHÉ NON TENTARLI?

MERITOCRAZIA E UNIVERSITA’.  I CONCORSI VENGONO TRASFORMATI IN UNA LOTTERIA E ALLORA PERCHÉ NON TENTARLI?

L’assenza di un complesso di valori socialmente condiviso da potersi mobilitare efficacemente a difesa del principio aureo del «vinca il migliore» spiega, poi, un fenomeno che a guardarlo con attenzione non può che apparire assurdo: l’uso ormai pervasivo nelle pratiche concorsuali, a qualsiasi livello e per qualsiasi posizione, di quiz generici che non misurano spesso […]

Continua a leggere »

MERITOCRAZIA E UNIVERSITA’. UN PAESE SENZA MERITO.

MERITOCRAZIA E UNIVERSITA’. UN PAESE SENZA MERITO.

A Napoli la Procura indaga sul test di medicina dello scorso 5 settembre. L’ipotesi è la corruzione: soldi in cambio di risposte. A Milano, negli stessi giorni, il rettore della Statale rinunciava a ricorrere al Consiglio di Stato contro la sentenza del TAR del Lazio che bloccava l’applicazione a Lettere del numero chiuso. Sono due […]

Continua a leggere »

MERITOCRAZIA E UNIVERSITA’. OCSE, I LAUREATI ITALIANI: POCHI, IMPREPARATI E USATI MALE

Nella categoria Analisi e Ricerche, Azione di governo, Italia da su 6 ottobre 2017 0 Commenti
MERITOCRAZIA E UNIVERSITA’. OCSE, I LAUREATI ITALIANI: POCHI, IMPREPARATI E USATI MALE

  Per l’OCSE siamo agli ultimi posti: tra chi ha finito l’università, 1’11,7% trova un impiego di livello modesto per titolo di studio e per competenze. Sono pochi, non hanno un lavoro adeguato alle loro competenze e soprattutto non sono preparati come i loro colleghi stranieri. Brutta bocciatura – scrivono Lorenza Loiacono e Camilletti, su […]

Continua a leggere »

MERITOCRAZIA. ROGER ABRAVANEL: “IL VERO COSTO NON SONO LE RETTE, È L’INVESTIMENTO IN ANNI DI STUDIO IN UNA UNIVERSITÁ MEDIOCRE

Nella categoria Analisi e Ricerche da su 6 ottobre 2017 0 Commenti
MERITOCRAZIA. ROGER ABRAVANEL: “IL VERO COSTO NON SONO LE RETTE, È L’INVESTIMENTO IN ANNI DI STUDIO IN UNA UNIVERSITÁ MEDIOCRE

Gli studenti italiani sono vittime di un sistema che non garantisce loro un futuro e delle prospettive adeguate a causa soprattutto della distanza tra le esigenze del mondo del lavoro e l’Università totalmente chiusa su sé stessa. Roger Abravanel su Il Corriere della Sera del 4 Ottobre 2017, analizzando i problemi che affliggono l’università italiana […]

Continua a leggere »

MERITOCRAZIA. ROGER ABRAVANEL: “LA DIDATTICA È SPESSO INADEGUATA MA DI PREMIARE LA QUALITÁ MIGLIORE E DI PUNIRE QUELLA PEGGIORE NON SE NE PARLA NEMMENO”

Nella categoria Analisi e Ricerche da su 6 ottobre 2017 0 Commenti
MERITOCRAZIA.  ROGER ABRAVANEL: “LA DIDATTICA È SPESSO INADEGUATA MA DI PREMIARE LA QUALITÁ MIGLIORE E DI PUNIRE QUELLA PEGGIORE NON SE NE PARLA NEMMENO”

Un altro dei problemi che affligge l’Università italiana è quello della didattica. L’Università non deve soltanto fare ricerca ma formare per il mondo del lavoro. Secondo Roger Abravanel su Il Corriere della Sera del 4 Ottobre 2017 anche questo compito non è eseguito in maniera decente, visto che i datori di lavoro lamentano uno scollamento […]

Continua a leggere »

MERITOCRAZIA. ANDREA ICHINO: “PER AVERE UNA VERA AUTONOMIA I DOCENTI DEVONO SUBIRE LE CONSEGUENZE NEGATIVE O POSITIVE DELLE LORO DECISIONI”

Nella categoria Analisi e Ricerche da su 6 ottobre 2017 0 Commenti
MERITOCRAZIA. ANDREA ICHINO: “PER AVERE UNA VERA AUTONOMIA I DOCENTI DEVONO SUBIRE LE CONSEGUENZE NEGATIVE O POSITIVE DELLE LORO DECISIONI”

  Come possibile correttivo a una maggiore autonomia universitaria al fine di contrastare la corruzione Roger Abravanel su Il Corriere della Sera del 4 Ottobre 2017 riporta l‘idea di Andre Ichino secondo la quale i docenti devono essere responsabili e subire le conseguenze negative e positive delle proprie scelte, ricevendo minori o maggiori fondi a […]

Continua a leggere »

MERITOCRAZIA. ROGER ABRAVANEL: “L’AUTONOMIA PUÒ PREMIARE LE BUONE UNIVERSITÀ.”

Nella categoria Analisi e Ricerche da su 5 ottobre 2017 0 Commenti
MERITOCRAZIA. ROGER ABRAVANEL: “L’AUTONOMIA PUÒ PREMIARE LE BUONE UNIVERSITÀ.”

  Dopo avere riaperto a Firenze il bubbone della spartizione delle cattedre, Raffaele Cantone sta lavorando con la ministra Fedeli – racconta Roger Abravanel su Il Corriere della Sera del 4 Ottobre 2017 – a un piano che, tra l’altro, vedrebbe come una delle soluzioni al problema quella di fare entrare nelle commissioni personalità esterne al mondo […]

Continua a leggere »